Lavorare con i droni

Lavorare con i droni: ambiti professionali e il ruolo in agricoltura

L’uso professionale dei sistemi a pilotaggio remoto sta rivoluzionando molteplici settori lavorativi, grazie alla versatilità di impiego garantita da queste piattaforme.

 

La formazione con conseguimento della patente drone è però un requisito fondamentale, per gestire i droni in piena sicurezza legale e operativa.

 

Uno dei campi più in crescita è l’agricoltura di precisione, dove i droni abilitano funzioni avanzate di monitoraggio e trattamento delle colture. Anche edilizia, ispezioni e filmografia traggono notevole beneficio dall’impiego di queste piattaforme.

 

Settori quali la sorveglianza di infrastrutture e le attività di ricerca e soccorso vedono i droni svolgere compiti essenziali. In conclusione, lavorare con i droni offre eccellenti occasioni in contesti diversi. Una formazione specialistica è il viatico per saper cogliere tutte queste opportunità.

 

Lavorare con i droni: Settori di impiego e ambiti applicativi

I droni professionali possono essere impiegati in numerosi settori lavorativi, grazie alla loro versatilità. Chi desidera avviare un’attività in questo campo sa che è necessaria una formazione specifica e la patente drone, per gestire questi sistemi in piena sicurezza legale.

 

Uno dei campi più fiorenti è senza dubbio l’agricoltura di precisione, grazie all’impiego di droni dotati di sensori per il monitoraggio delle colture e la prevenzione di parassiti. Molto diffuso anche l’uso nei settori dell’edilizia, della geologia e delle ispezioni industriali.

 

Grazie alle riprese aeree, i droni sono ormai imprescindibili per il cinema, la televisione e la fotografia professionale. In ambito giornalistico e di pubbliche relazioni possono documentare eventi in modo innovativo.

 

Altri campi di impiego sono la sorveglianza di dighe, gasdotti e ferrovie, nonché le attività di ricerca e soccorso. La sorveglianza di dighe, gasdotti e ferrovie tramite sistemi a pilotaggio remoto risulta estremamente vantaggiosa, in quanto consente ispezioni precise e in totale sicurezza, evitando i rischi connessi ad operazioni con personale a terra. I droni montano sofisticate telecamere e sensori in grado di rilevare anche i più piccoli segni di ammaloramento o danneggiamento delle strutture.

 

Per quanto riguarda le attività di ricerca e soccorso, ormai i droni ricoprono un ruolo indispensabile, potendo raggiungere zone impervie e remote più velocemente di qualsiasi elicottero. Grazie alle telecamere termiche sono in grado di individuare persone disperse di giorno e di notte, fornendo alle squadre di terra indicazioni preziose per organizzare al meglio le operazioni.

 

Come si vede, questi settori offrono sbocchi lavorativi eccellenti per chiunque decida di investire nella formazione professionale necessaria al conseguimento della patente drone. Insomma, le potenzialità lavorative sono infinite, basta munirsi della giusta formazione con la patente drone.

 

Lavorare con drone: l’impiego in agricoltura

Grazie alla precision farming, ovvero all’agricoltura di precisione, questi sistemi a pilotaggio remoto consentono una gestione ottimizzata delle colture.

 

Dotati di telecamere multispettrali e sensori, i droni impiegati in agricoltura permettono il monitoraggio di vasti terreni agricoli, rilevando in tempo reale lo stato di salute delle piante ed eventuali carenze idriche/nutrizionali. Ciò consente trattamenti mirati, evitando inutili sprechi.

 

I droni sono inoltre utilizzati per la distribuzione controllata di fertilizzanti, antiparassitari e concimi. Grazie ai sistemi di applicazione di cui sono dotati, permettono una distribuzione estremamente precisa dei prodotti, evitando inutili sovradosaggi e sprechi.

 

Attraverso la mappatura dei terreni e il monitoraggio dello stato delle colture, è possibile identificare con precisione le aree che necessitano di un trattamento, per poi programmare i droni in modo che rilascino le sostanze solo nelle zone selezionate. Questo consente un notevole risparmio di tempo, lavoro e prodotti fitosanitari.

 

Anche per quanto riguarda la prevenzione di maltempo e parassiti, i droni giocano un ruolo importante. Sono infatti in grado di rilevare per tempo l’insorgere di patologie delle piante, in modo che gli agricoltori possano pianificare interventi precoci ed efficaci per circoscrivere l’infezione.

 

Inoltre, i sensori multispettrali permettono di monitorare lo stato delle colture anche in condizioni atmosferiche complesse, fornendo dati preziosi per la gestione delle coltivazioni. Un settore, quello dell’agricoltura 4.0, in cui i droni stanno portando benefici sempre più evidenti. Chi intende operare professionalmente in questo settore deve naturalmente conseguire la patente drone e formarsi durante un corso pratica di volo, per padroneggiare al meglio tutte le tecniche richieste. Un ambito in forte espansione che garantisce ottime prospettive lavorative.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn