Fotogrammetria con drone

Fotogrammetria con drone: principi e applicazioni professionali

I sistemi aeromobili a pilotaggio remoto stanno rivoluzionando il mondo del lavoro, aprendo la strada a nuove opportunità professionali in diversi settori. Tra queste, la fotogrammetria con drone si sta affermando come una delle applicazioni a maggior potenziale di crescita.

 

L’acquisizione di modelli tridimensionali ad alta risoluzione mediante fotogrammetria aerea consente oggi di rispondere efficacemente alla crescente domanda proveniente da ingegneria, architettura, geologia, agricoltura di precisione e molti altri ambiti.

 

I professionisti che offrono servizi qualificati di rilievo fotogrammetrico con drone sono infatti sempre più richiesti per rispondere ad esigenze di progettazione, monitoraggio, documentazione e analisi di tipo tecnico-scientifico.

 

Grazie alle elevate prestazioni raggiunte dalle moderne piattaforme e sensori, la fotogrammetria aerea permette di eseguire rilievi in poco tempo e a costi molto contenuti rispetto alle metodologie tradizionali, risultando una valida risorsa per studi di fattibilità e sopralluoghi dettagliati.

 

Una formazione specialistica in questa tecnica può quindi tradursi in interessanti opportunità lavorative, vista la crescente richiesta di operatori qualificati nel settore della fotogrammetria con drone.

 

Fotogrammetria con drone: cos’è la fotogrammetria applicata ai droni  

La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere modelli tridimensionali ad alta precisione attraverso l’uso congiunto di fotografie e software specifici. La fotogrammetria è anche una delle tantissime attività che permette di lavorare con i droni oggi.

 

Applicata ai sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, consente di acquisire in poco tempo e in modo economico grandi volumi di dati fotografici geolocalizzati, elaborabili per generare prodotti quali ortofoto, modelli digitali del terreno e ricostruzioni 3D fotorealistiche di qualsiasi tipo di ambiente.

 

Il software fotogrammetrico, ricevuti gli scatti, effettua in automatico l’allineamento delle immagini sfruttando i punti omologhi comuni tra foto adiacenti. In questo modo determina la posizione relativa della fotocamera durante l’acquisizione e ricava per triangolazione le coordinate tridimensionali dei punti fotografati. A questo punto è possibile generare la nuvola densa di punti georeferenziati e derivarne i prodotti desiderati. Per ricostruzioni di grande complessità o alta precisione può rendersi necessaria una fase di rilevamento di CP a terra mediante stazione totale per georeferenziare correttamente il modello.

 

I droni professionali montano potenti fotocamere metriche in grado di acquisire centinaia di immagini sovrapposte durante un singolo sorvolo. Gli scatti, geotaggati con i dati di volo, vengono allineati automaticamente tramite software per estrarre le informazioni altimetriche e planimetriche.

 

Il risultato sono modelli fotogrammetrici di altissima precisione e risoluzione, utilizzabili per progettazione, monitoraggio ambientale, rilievi archeologici e molte altre applicazioni. Grazie al patentino drone A2 è possibile offrire servizi di fotogrammetria aerea avanzata a supporto di professionisti e aziende, lavorando con i droni in modo professionale e sicuro.

 

Rilievo fotogrammetrico con drone: le principali applicazioni della fotogrammetria

La fotogrammetria aerea mediante sistemi aeromobili a pilotaggio remoto trova applicazione in numerosi settori professionali, grazie alla versatilità e precisione dei risultati ottenibili. Uno dei campi maggiormente interessati è quello dell’architettura e dell’ingegneria civile, dove i modelli tridimensionali vengono utilizzati per il rilievo di costruzioni, la progettazione BIM e il monitoraggio di cantieri.

 

Anche l’archeologia e la tutela del patrimonio culturale traggono grande beneficio dalle elaborazioni fotogrammetriche con drone, per analisi diagnostiche e rilievi conservativi del dettaglio.

 

In ambito geologico e ambientale è possibile monitorare dissesti, erosioni costiere, ghiacciai e siti di interesse naturalistico. Il settore delle assicurazioni e perizie può avvalersi di ortofoto e ricostruzioni 3D per la valutazione dei danni. Agricoltura di precisione, silvicoltura e tutela idrogeologica sono ulteriori campi di applicazione.

 

Operatori muniti di patente drone professionale possono offrire servizi qualificati di rilievo fotogrammetrico con droni a supporto di tali attività professionali. Per conseguire la patente professionale richiesta dalla normativa europea, gli interessati possono facilmente rivolgersi a realtà specializzate come Professione Droni, che mettono a disposizione corsi droni completi e certificati per il conseguimento delle varie categorie di abilitazione. I percorsi formativi sono riconosciuti a livello europeo e consentono di acquisire tutte le competenze teoriche e pratiche necessarie per pilotare i droni in contesti lavorativi, avvalendosi di docenti altamente qualificati e materiali didattici interattivi e innovativi. Grazie a corsi strutturati e affidabili come questi è possibile diventare piloti professionisti muniti delle certificazioni richieste per svolgere attività di rilievo fotogrammetrico e non solo.

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn